Birre Artigianali: Recensioni e Guide Guida alle birre artigianali

La Birra per Abbronzarsi? Mito o realtà?

birra per abbronzarsi, ragazza - EFW
scritto da EFW Staff

Birra per abbronzarsi: i benefici del luppolo e dei lieviti sulla pelle

Tutti noi sappiamo che la frutta e la verdura di colore arancione contiene una sostanza benefica per la pelle che si chiama betacarotene e che aumenta le difese naturali, proteggendoci dai raggi solari dannosi e al contempo ci aiuta ad ottenere un’abbronzatura uniforme. Tutto vero. Ma non molti sanno che esiste in natura un altro alleato della tintarella: il luppolo, un attivatore di melanina. Per questo è utile usare la birra per abbronzarsi.
Non importa la qualità, se bionda o scura, scegliete pure quella che preferite perchè il luppolo è l’ingrediente base di tutte le birre ed è proprio lui il vostro nuovo segreto di bellezza. Pensavate fosse insensato e avete iniziato a leggere solo per curiosità in quanto l’argomento vi sembrava infondato? Dovrete ricredervi perchè ora scoprirete nel dettaglio come servirvi della birra per abbronzarsi.
Per prima cosa tranquillizzatevi, anche se dovete guidare per tornare a casa dopo l’esposizione al sole non c’è problema, superete indenni l’alcool-test e parlo anche per gli astemi! Mettetevi comodi in costume e spalmatevi la crema protettiva solare come siete soliti, ho detto che usaremo la birra per abbronzarsi non per bere!
Messa la crema? Fate attenzione a scegliere una protezione adeguata al vostro fototipo, ricordatevi che i raggi UVA sono sempre dannosi, anche se avete la pelle scura e che le scottature possono danneggiare la pelle seriamente fino ad avere conseguenze gravi. Il luppolo infatti, è un potente attivatore di melanina ma non contiene barriere protettive. Serve quindi una crema protettiva come difesa. Fatto questo, prendete uno spruzzino, riempitelo della birra che preferite e vaporizzate su tutto il corpo. L’effetto è immediato, già durante l’esposizione potrete ammirare la differenza.
birra per abbronzarsi al mare - EFW
La vostra pelle apparirà dorata, maggiormente tesa e levigata. L’unico inconveniente, se non siete amanti della birra, può essere l’odore ma non azzardatevi ad aggiungere olii essenziali per profumare! Infatti quest’ultimi sono fotosensibilizzanti e potrebbero bruciare oltre a lasciare inestetiche macchie sulla pelle. Ad ogni modo, l’odore di birra non rimarrà sulla vostra pelle a lungo, essendo lievemnete alcolica tenderà ad evaporare insieme alle sostanza maggiormente volatili, come l’odore appunto.
lieviti contenuti nella birra sono utili a nutrire la vostra cute naturalmente inaridita dall’esposizione solare e aiutare l’assorbimento della melanina stessa a , quindi oltre che un intensificatore di melanina, usare la birra per abbronzarsi è un vero e proprio trattamento di bellezza. Se non gradite procedere per “vie artigianali” esistono in commercio delle creme abbronzanti che sfruttano i principi attivi della birra, le cosiddette beer cream. La più famosa è prodotta dal marchio wonder company.

Cosa fare dopo aver usato la birra per abbronzarsi

Dopo aver applicato questo metodo è consigliabile una bella doccia con acqua dolce, fresca e un detergente molto delicato che non vada ad intaccare l’equilibrio della pelle già stressata dal sole. Dopodiché potete spalmare un’ abbondante dose di doposole e nelle zone più delicate come contorno occhi e labbra applicare qualche goccia di siero di germe di grano che ha un potente elasticizzante cutaneo.
Per ottenere un piacevole effetto rinfrescante potete unire alla crema doposole un pochino di gel naturale di aloe vera, sentirete subito il beneficio sulla pelle, specialmente se nonostante abbiate preso tutte le precauzioni, le zone più delicate come l’area bikini e l’incavo di braccia e ginocchia si sono ugualmente irritati. Il consiglio primario è quello di non esporsi nelle ore più calde della giornata e di non esagerare. Detto questo, vi auguro una buona abbronzatura con la birra!Fonti immagini: http://www.backgroundwallpapershd.com,  www.galleryhip.com, www.budajest.com

Informazioni sull'autore

EFW Staff