Guide sul vino Vino: Recensioni e Consigli

Il vino Breganze Vespaiolo DOC

Filari in collina - Enjoy Food & Wine
scritto da EFW Staff

Il Breganze Vespaiolo DOC

Dopo aver parlato del Torcolato DOC di Breganze e della Vespaiola, vitigno tipico del vicentino settentrionale, andiamo a scoprire un altro dei vini che vengono prodotti a partire dalle uve di questa varietà, il Breganze Vespaiolo DOC.

Il Breganze Vespaiolo DOC

Il Breganze Vespaiolo DOC è un vino bianco autoctono la cui produzione è consentita nella provincia di Vicenza in purezza con uve provenienti dal vitigno Vespaiola.
I comuni di Breganze, Fara, Mason, Marostica, Bassano, Sandrigo sono quelli in cui la cultura del Breganze Vespaiolo DOC è più radicata.

Calice e bottiglia di vespaiolo - Enjoy Food & Wine

Per quanto riguarda la vinificazione, è necessaria molta cautela per evitare il contatto con l’aria che potrebbe dare il via a ossidazione e di conseguenza compromettere la qualità del vino.

È un vino primaverile dal limpido colore giallo paglierino con riflessi verdognoli e perlage fine e persistente che al naso presenta una caratteristica intensità di aromi di fiori bianchi, frutta a polpa gialla e mandorla, mentre in bocca è fresco, persistente ed equilibrato con note minerali dovute al terreno vulcanico in cui viene coltivato questo vitigno.

Il vino Breganze Vespaiolo esiste anche nella versione Superiore, se prodotto con gradazione alcolica minima di 12%, e Spumante, vinificato secondo il metodo Charmat.

Il Breganze Vespaiolo DOC in cucina

In bocca il Breganze Vespaiolo DOC classico è secco e pieno, con una amabile freschezza dovuta alla naturale acidità, che lo rende adatto ad accompagnare anche piatti impegnativi piuttosto grassi e salse. L’abbinamento tipico è quello con il baccalà alla vicentina con polenta gialla di farina di mais Marano D.O.P. o gli asparagi bianchi di Bassano D.O.P. accompagnati da uova sode, ma questo vino è ottimo anche con piatti a base di pesce quale anguilla e trota, zuppe di verdura, torte salate, formaggi come la Casatella Trevigiana o l’Asiago.

Ottimo come aperitivo, la temperatura di servizio deve essere compresa tra gli e i 10°, preferendo per il servizio il calice, la flûte o la coppa.

 

Fonti immagini:
www.cantinabreganze.it
www.moldrek.com

Informazioni sull'autore

EFW Staff