Guide sul vino Vino: Recensioni e Consigli

Quali sono i difetti del vino rosso?

difetti del vino rosso tappi - EFW
scritto da EFW Staff

Quali possono essere i difetti del vino rosso? Da che cosa sono provocati?

I difetti del vino rosso  e le botti non adeguatamente trattate

sentori di muffa, fradicio e marcio sono cattivi odori che vengono trasmessi al vino da botti che sono state mal conservate. Il trattamento delle botti di legno deve seguire delle precise procedure per evitare questo spiacevole inconveniente. Le botti nuove devono essere abbonite e avvinate in modo da eliminare le sostanze di più facile estrazione ed evitarne così un rilascio eccessivo nel vino. Le botti usate vanno controllate in modo che non ci siano muffe da umidità residua. Se si riscontrano impurità, basterà un lavaggio con acqua e soda o con detergenti specifici. Se le pareti interne sono pulite, basterà avvinare la botte con pochi litri di vino.

difetti del vino rosso carro - EFW

Sentore di feccia

Quando il vino non è opportunamente travasato ha un sentore di feccia. Significa che le fecce si sono ossidate e conferiscono al vino il classico odore di aglio. I travasi, infatti, servono per eliminare sostanze residue dalla vinificazione.

Sentori di solfati

Durante la fermentazione è possibile che si sia creata un eccesso di anidride solforosa. La sua presenza è rivelata dal tipico odore pungente. L’eccesso di zolfo utilizzato come antiparassitario fa lo stesso effetto. I composti solforati si distinguono in leggeri e pesanti. I leggeri si percepiscono come odori sgradevoli di uova marce, acqua stagnante e cipolla. I pesanti invece ricordano la gomma bruciata e il gas. Comunque, molti di questi odori sono dovuti ad una elevata temperatura cui è stato sottoposto il vino. Bottiglie esposte a temperature elevate, cisterne di vino che sono state sotto il sole, una termo-vinificazione non adeguata sono tra le possibili cause.

Sentore di stalla

Il moscerino della frutta è responsabile di uno dei difetti del vino rosso. Esso trasporta i lieviti brettanomiceti che trovano come ambiente favorevole al loro sviluppo, le botti non ben igienizzate, umide e non perfettamente conservate.
Il sentore tipico di stalla, sudore, fumo e chiodi di garofano sono inconfondibili segni del difetto.

Sentore di svanito

Se il vino appare privo di profumi allora si può dire che è svanito. Esso appare piatto senza sfaccettature tipiche. In pratica, sono assenti i sentori che si avvertono appena aperta una bottiglia. Questo può accadere se si fanno troppi travasi in cantina oppure quando il vino viene mosso per un tempo relativamente lungo, ad esempio durante il trasporto. In questo caso basterà farlo riposare per fargli recuperare tutto il vigore e ritrovare il suo bouquet.

Sentore di maderizzato

I vini bianchi ne sono più soggetti, ma si può riscontrare anche nei rossi. Annusando il vino si sentirà un profumo che ricorda il vino Madeira. Si tratta di un processo ossidativo dovuto ad un prolungato contatto del vino con l’aria. In questo famoso vino, però le ossidazioni sono indotte e controllate. In realtà, non è uno dei difetti del vino ma il sentore caratteristico. Nei rossi, queste ossidazioni avvengono quando un vino destinato al consumo nel giro di 2-3 anni, si lascia invecchiare.

Sentore di ridotto

Il vino di lungo affinamento è conservato in condizione di assenza di aria. L’ossigeno può combinarsi con l’anidride solforosa facendo scaturire il classico odore di chiuso. Per ovviare al problema basterà decantare il vino un po’ di tempo prima di servirlo.

Sentore di tappo

difetti vino rosso zanzara -EFW

Il sentore di tappo si manifesta quando il sughero è attaccato dall’Armillaria Mellea, un parassita della pianta. Questo inconveniente è difficile da prevenire, in quanto il problema si rivela nel momento in cui si degusta il vino. Il sentore ricorda molto la muffa e l’odore tipico di una cantina chiusa e polverosa. Lo stesso sentore si può avvertire anche quando le bottiglie di vino sono rimaste per lungo tempo in posizione verticale in locali non idonei. I tappi asciugandosi sviluppano muffe che conferiscono un odore simile a quello di tappo. La posizione ideale delle bottiglie di vino rosso è orizzontale a condizioni di umidità e temperatura adeguate di conservazione.

Fonte Immagini: wikimedia.org

Informazioni sull'autore

EFW Staff