Guide sul vino Vino: Recensioni e Consigli

Gli ottimi vini DOCG Piemonte

Cartina Piemonte | Enjoy Food & Wine
scritto da EFW Staff

Una terra di vini…divini

Il territorio del Piemonte è incredibilmente variegato: il 26% è pianura, il 44% montagna e il restante 30% collina. E’ proprio nelle colline della regione che, grazie a metodi di coltivazione estremamente all’avanguardia, vengono prodotti i migliori vini DOC e DOCG, con prevalenza di vitigni a bacca rossa e qualche eccezione a bacca bianca.
I vini DOCG Piemonte sono 14.

Vini DOCG Piemonte: miniguida A-D

Barolo etichetta | Enjoy Food & Wine

Alta Langa, denominazione di origine riservata ai vini spumanti, bianco rosso e rosato ottenuti con la sola rifermentazione in bottiglia nelle provincie di Alessandria, Asti e Cuneo e con uve provenienti da vigneti aventi come composizione ampelografica Pinot nero e/o Chardonnay dal 90 al 100%.

Asti, vino tipico piemontese la cui produzione avveniva già nel 1200. Si produce nelle province di Alessandria, Asti e Cuneo esclusivamente con le uve di Moscato bianco. La denominazione “Moscato d’Asti” è riservata al vino bianco non spumante.

Barbaresco, vino di origini antiche che viene prodotto a partire dal vitigno Nebbiolo nei comuni di Barbaresco Treiso e Neive.

Barbera d’Asti, diventato vino DOCG nel 2008, viene prodotto un’area collinosa nelle province di Asti e Alessandria con uve Barbera al 90% e 10% di vitigni a bacca rossa.

Barbera del Monferrato Superiore, prodotto nella provincia di Alessandria e in parte in quella di Asti. Viene sottoposto a un invecchiamento di 14 mesi di cui 6 in botti di legno.

Barolo, prodotto con uve Nebbiolo e invecchiato per almeno 3 anni.

Brachetto d’Acqui, prodotto esclusivamente con le uve del vitigno Brachetto provenienti da vigneti situati nei territori di Asti e Alessandria. Viene prodotto nelle tipologie rosso e spumante.

Dolcetto di Diano d’Alba, prodotto nel comune di Diano d’Alba (Cuneo), ha ottenuto il riconoscimento a DOCG nel 2010. Due le tipologie: il Dolcetto di Diano d’Alba e il Dolcetto di Diano d’Alba Superiore.

Dolcetto di Ovada Superiore, prodotto con uve Dolcetto in alcuni comuni dell’Ovadese in quattro tipologie: Dolcetto di Ovada superiore; Dolcetto di Ovada superiore “riserva”; Dolcetto di Ovada superiore “vigna”; Dolcetto di Ovada superiore “vigna riserva”.

Dogliani, fiore all’occhiello della produzione dei dolcetti piemontesi.

Vini DOCG Piemonte: miniguida D-Z

Vini bottiglie | Enjoy Food & Wine

Erbaluce di Caluso, prodotto con uve del vitigno Erbaluce, coltivate in una zona viticola in provincia di Torino. Tipologie: Erbaluce di Caluso; Erbaluce di Caluso “spumante”; Erbaluce di Caluso “passito”; Erbaluce di Caluso “passito riserva”.

Gattinara, vino storico prodotto nel comune di Gattinara in provincia di Vercelli con uve Nebbiolo e invecchiato in botti di legno per due anni minimo.

Gavi, prodotto in una ristretta zona collinare della provincia di Alessandria da uve di Cortese. Tipologie: Gavi tranquillo; Gavi frizzante; Gavi spumante;Gavi riserva; Gavi riserva spumante metodo classico.

Ghemme, vinificato con uve ottenute dai vitigni Nebbiolo (per almeno 85%), Vespolina e Bonarda Novarese e prodotto nell’omonimo comune e in quello di Romagnano Sesia, in provincia di Novara, nelle tipologie Ghemme e Ghemme riserva.

Roero, prodotto nella zona omonima, in provincia di Cuneo.

Ruchè di Castagnole Monferrato, prodotto nei 7 Comuni della Provincia di Asti con l’uva Ruchè, e l’eventuale aggiunta di Barbera e/o di Brachetto.
Fonti immagini:
langhe.net
www.vincenzoreda.it

Informazioni sull'autore

EFW Staff