Food

I tipici primi piatti natalizi molisani

Zuppa di cardi con crostini - Enjoy Food & Wine
scritto da EFW Staff

Alla scoperta dei primi piatti natalizi molisani

La superficie del Molise è divisa tra zone di montagna, zone collinari e una costa che si affaccia sul Mar Adriatico, quindi la gastronomia della regione è ricca di prodotti saporiti che vanno a comporre gustosi piatti di pesce … e non solo.
Tutta questa ricchezza alimentare dà il suo meglio durante le festività natalizie, durante le quali anche il baccalà e i cardi diventano gli ingredienti base per ottime specialità gastronomiche.

I primi piatti natalizi molisani: la zuppa di cardi

La zuppa di cardi è piatto delicato che richiede una notevole cura e attenzione a causa della pulizia e cottura di questa pianta spinosa dai fiori simili al carciofo. Per prepararla vi servono: 1 grosso cardo, 1 limone, 2 spicchi di aglio, burro q.b., olio di oliva, 4 uova e pane casereccio.
E’ necessario prima dedicarsi alla pulizia dei cardi, per poi metterli a bagno in acqua a cui è stato aggiunto succo di limone, per evitare che anneriscano. Il tutto va poi fatto cuocere in acqua bollente per 30 minuti e scolato. Dopo aver fatto soffriggere l’aglio con olio e burro in una padella, aggiungete i cardi, lasciateli insaporire e aggiungete tre bicchieri d’acqua calda e sale.
Quando il tutto bolle, aggiungete le due uova già sbattute a parte con sale e pepe, mescolate e lasciate asciugare.
Arricchite la zuppa con dei crostini caldi.

I primi piatti natalizi molisani: la pizza di Franz

Un’altra specialità delle festività natalizie molisane è la pizza di Franz in brodo caldo, costituita da pezzettini di pizza a base di uova, parmigiano grattugiato e prezzemolo al forno.

I primi piatti natalizi molisani: il baccalà arracanato e il baccalà al forno

Primi piatti natalizi molisani: il baccalà arracanato - Enjoy Food & Wine

Un’altra ricetta tipica della Vigilia di Natale è il baccalà arracanato, ovvero gratinato, che secondo la tradizione andrebbe mangiato magro. Una volta veniva cotto poggiando la teglia o la pentola con il baccalà ricoperto di cenere, olio, vino e alloro all’interno del caminetto.

Un’altra variante del baccalà è quella al forno con le patate, gustosa e appetibile.

 

Informazioni sull'autore

EFW Staff