Food

Le specialità natalizie

Specialità natalizie - tavola con piatto e bicchiere addobbata perle feste - Enjoy Food & Wine
scritto da EFW Staff

5 specialità natalizie italiane

Le specialità natalizie italiane includono una quantità di piatti che spazia dagli antipasti, ai primi, ai secondi piatti fino ad arrivare a un numero incredibile di dolci che variano da regione a regione. Queste ricette rispecchiano le tradizioni di ogni paese, ma ce ne sono alcune conosciute a livello nazionale.
Qui ve ne proponiamo cinque da portare in tavola almeno una volta nella vita!

Specialità natalizie: i tortellini in brodo

Specialità natalizie - tortellini - Enjoy Food & Wine

I tortellini sono un primo piatto tipico della tradizione emiliana costituito da pasta all’uovo ripiena servita in brodo di carne.
Nel 1974 la Confraternita del tortellino ha depositato presso la Camera di Commercio di Bologna la ricetta originale del ripieno dei tortellini, ovvero: lombo di maiale, mortadella Bologna, prosciutto crudo, Parmigiano, uova e noce moscata. La sfoglia è invece preparata usando farina ed uova.

Specialità natalizie: il cotechino

Specialità natalizie -cotechino e lenticchie - Enjoy Food & Wine

Le origini del cotechino modenese vengono fatte risalire ai primi anni del 1500, quando la città venne assediata dall’esercito di Papa Giulio II. Per conservare la carne di maiale gli abitanti decisero di cominciare a insaccarla nella cotenna. Nel corso degli anni il cotechino si diffuse in tutta la penisola, fino a diventare uno dei piatti preferiti durante le festività natalizie.
L’impasto è costituito da una miscela di carni suine condita con sale, pepe e spezie e viene tradizionalmente servito con un contorno di lenticchie o purea di patate.

Specialità natalizie: il panettone milanese

Il panettone milanese è un simbolo del Natale e le leggende sulle sue origini non si contano.
Secondo alcuni fu preparato per la prima volta nella bottega di un fornaio milanese di nome Toni (motivo per cui il dolce fu chiamato pan del toni), ai tempi di Ludovico il Moro.
Secondo un’altra storia il panettone nacque da un errore dello chef di Ludovico Sforza che lo aveva dimenticato in forno e quindi bruciato. Fu uno sguattero a sistemare le cose, recuperando un po’ di impasto e farcendolo con uvetta e canditi.
Secondo la tradizione popolare il panettone è un dolce casalingo, sulla cui cima veniva incisa una croce dal capofamiglia come buon augurio per l’anno seguente.
L’ impasto del panettone è a base di acqua, farina, burro, uova al quale si aggiungono frutta candita, scorzette di arancio e cedro e/o uvetta.

Il pandoro veronese

C’è chi ama il panettone e chi, invece, tifa pandoro. Questo dolce tipico delle festività natalizie fu creato a fine Ottocento, quando il pasticciere Domenico Melegatti ottenne un permesso speciale (oggi potrebbe essere considerato alla stregua di un brevetto) per preparare un dolce morbido dalla forma di una stella a otto punte che profumava di vaniglia, zucchero e burro e che veniva servito con una spolverata di zucchero a velo ma senza creme o farcitura all’interno.

Il torrone di Cremona

Specialità natalizie - torrone, mandorle e zucchero a velo - Enjoy Food & Wine

Secondo una delle tante leggende sulla nascita e diffusione del torrone, questo dolce costituito da mandorle e miele fu importato a Cremona dai cuochi arabi che lavoravano alla corte di Federico II nel XIII secolo. Viene confezionato in stecche rettangolari e ne esistono due versioni, una classica dura e friabile e una morbida.

Fonti immagini:
blog.wonderfulmilan.info
mangiarebuono.it
lacasadellamamma.unadonna.it
www.piattitalia.com

 

Informazioni sull'autore

EFW Staff