Food

Il pesce di luglio: quale comprare?

pesce
scritto da Annalisa

Il pesce di luglio più fresco da mettere in tavola

Non sapete come scegliere il pesce migliore al banco del mercato? Non dimenticate queste tre regole di base: fresco, italiano e soprattutto di stagione. La stagionalità infatti non vale solamente per ortaggi e frutta ma anche per le specie ittiche; il primo fattore a determinarne la stagionalità sono le restrizioni della pesca che in alcuni periodi dell’anno vietano di pescare specifiche specie così da poter favorire la crescita degli animali, altri fattori sono le condizioni climatiche, le correnti e i periodi di nascita e crescita del pesce.


Siamo ormai abituati a trovare qualsiasi prodotto lungo tutto l’arco dell’anno, compresi i prodotti ittici che vengono pescati in mare o allevati secondo le regole dell’acquacoltura, ma è bene rispettare la stagionalità anche del prodotto ittico. Cosa possiamo comprare quindi in questo periodo? Qual è il pesce di luglio migliore da mettere in tavola?

Sarde e acciughe

Luglio è il mese di questi piccoli pesci che rientrano nella categoria del pesce azzurro. Saporiti e dal sapore deciso si prestano a molte preparazioni in cucina, esistono molte ricette tipiche regionali come le sarde in saor venete, che prevedono le sarde fritte alternate con cipolla stufata nell’aceto, oppure le Acciughe Sotto Sale del Mar Ligure IGP o ancora le sarde alla beccafico tipiche di Palermo. Sarde e acciughe sono pesci magri, apportano una quantità contenuta di calorie e una buona dose di proteine. Sono deliziose anche fritte o alla griglia.

Orata

Pesce pregiato e molto apprezzato si trova abbondantemente nel Mediteranneo; in commercio si trova sia di allevamento che pescato di mare e la differenza tra le due versioni al palato è abbastanza marcata; in stagione è consigliabile scegliere le fresche orate di mare, più magre, più gustose e più sane, visto che i pesci allevati sono nutriti con farine artificiali. La pesca è vietata per gli esemplari al di sotto dei 20 cm e 350 grammi di peso, ma sopra queste misure potete acquistarle e gustarla in mille modi. Al forno con aromi e patate, sfilettate e rosolate in padella o alla griglia.

Scampi

Da Aprile a Luglio c è il massimo della produzione dunque approfittatene e mangiate scampi freschi del Mediterraneo. Lo scampo vive prevalentemente nei fondali sabbiosi, dove scava gallerie. Il momento migliore per la pesca, fatta con le reti a strascico, è nelle notti di plenilunio, quando lo scampo esce dalla tana. La taglia minima pescabile è di 7 cm, il colore indica la massima freschezza quando è uniforme e la testa non ha tracce di annerimento.
Ottimo crudo o marinato con limone, è delizioso anche al sugo, alla busara secondo la ricetta veneziana, o alla griglia.

Granchi

granchio

E’ l’ultimo mese per trovarne freschi in gran quantità. I granchi vanno consumati freschissimi, appena pescati, prima che le zampe e il guscio inizi a scurirsi; sono ottimi mangiati fritti oppure per sughi per condire la pasta, da soli o con altri crostacei come nella pasta allo scoglio. Hanno un gusto delicato e di mare.

Passera

Pesce che si trova in abbondanza nei mesi estivi, assomiglia al rombo per la sua forma appiattita ma è facilmente riconoscibile poiché la forma non è proprio romboidale e presenta le squame, a differenza del rombo. La carne è saporita e si presta a cotture alla griglia o in padella con aromi, pomodorini e vino bianco.

Ricciola

La massima presenza di Ricciola è nei mesi estivi, da giugno ad agosto, è dunque un pesce perfetto da acquistare in questo periodo caldo. Si tratta di un pesce pelagico, senza denti, che raggiungi dimensioni considerevoli, anche fino a 30 Kg. È prevalentemente un pesce pescato in mare ma esistono in Sud Italia, prevalentemente in Sicilia, anche degli allevamenti. Le carni compatte e saporite si prestano a cotture al forno o in padella con olio, aglio e aromi mediterranei.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità enogastronomiche?

Informazioni sull'autore

Annalisa