Rubrica Tour

Osteria Senza Oste

Tagliere con pane e salame e bottglia di vino
scritto da Melissa Manzan

Osteria Senza Oste: il nostro tour

Un luogo leggendario, una cascina sui colli di Valdobbiadene, una terrazza che si affaccia sui verdi vigneti del Cartizze. L’osteria senz’oste è un luogo che si tramanda da generazioni e tra amici, da quel genere di persone che conoscono l’importanza della tradizione e apprezzano i luoghi semplici e pregni di significato per ciò che rappresentano.

L’Osteria senz’oste offre “Food & Wine” alla portata di tutti nella valle del Prosecco più famosa del Veneto mettendo a disposizione degli ospiti prodotti tipici nostrani, autentici delle zone limitrofe.

La filosofia che fece nascere questo posto era quella di offrire un po’ di ospitalità e pace a chiunque ne avesse bisogno. L’ospite doveva sentirsi libero di servirsi e di dare un valore a ciò che mangiava e beveva. Non essendoci nessun oste che imponesse un prezzo per il cibo, ognuno era libero di dare ciò che riteneva giusto in base a ciò che consumava. Nel frigo erano presenti solo prodotti locali come formaggi freschi o stagionati, salumi e affettati di vario genere, prosecco Cartizze delle aziende vinicole circostanti e aranciata.

L’idea della condivisione si è fatta conoscere con il passaparola delle persone che ritrovano in questo posto un luogo in cui scappare a fare un picnic o una gita fuori porta nell’osteria-fattoria dal sapore semplice e originale. A rendere il tutto saporito e allegro sono anche gli animali: una mucca ed un vitellino di nome “Onesto”, un gattone amante di “pane e salame” ed il presunto proprietario che di tanto in tanto fa capolino nella cucina per controllare che tutto sia in ordine.

…Ma non è tutto rose e fiori, di recente molti si sono lamentati del fatto che sulle confezioni dei prodotti presenti all’interno dell’osteria venivano indicati i prezzi corrispondenti al valore del cibo e delle bevande sostenendo che fossero sin troppo alti per il servizio offerto. Sempre di recente si dice che il proprietario o il custode del luogo sia sempre presente per controllare che tutti gli ospiti rilascino il denaro indicato smentendo così il mito dell’Osteria senz’oste che ora un oste lo ha.

La realtà è che anche per un posto così semplice ci sono dei costi di manutenzione. Vi sono stati “furbi” che hanno approfittato dell’assenza dell’oste per mangiare e bere gratis. Questi ultimi hanno purtroppo saccheggiato, nel vero senso della parola, ciò che veniva messo a disposizione di tutti, più e più volte. Hanno tolto identità a quella filosofia straordinaria che tanto aveva fatto parlare di questo posto sperduto e romantico.

Come funziona?

Una volta raggiunta L’osteria senz’oste potrete entrare nella minuscola cucina di pietra. Al suo interno troverete il necessario per banchettare: pane, affettati (soppressa, prosciutto,pancetta…etc), formaggi, prosecco, acqua e aranciata tipici della zona . Una volta scelto quale sarà il vostro spuntino potrete trovare: bicchieri, taglieri e coltelli per consumare ciò che avete preso, tenendo sempre conto che quando ve ne andrete siete pregati di pulire e riporre ciò che avete usato affinché anche gli altri ospiti possano usufruire come voi dell’occorrente. Prima però di dedicarvi alla vostra merenda ristoratrice sarete gentilmente chiamati a fare una stima di quanto preso e di mettere l’offerta in una cassettina di legno secondo la vostra coscienza. Sarete riconoscenti quanto più apprezzerete il posto e la sua filosofia. Ora è il momento di dedicare finalmente tempo a ciò per cui siete venuti: Mangiare e Bere! Potete soffermarvi sulla terrazza o sulla saletta al piano superiore molto rustica e caratteristica (qualora il tempo non fosse dei migliori o facesse particolarmente freddo). A scaldare la stanza c’è un camino che voi stessi sarete liberi di alimentare con la legna presente. Una volta visto il tramonto ed aver ammirato a lungo il panorama con la pancia piena non dimenticate di lasciare un ricordo nel libro dedicato agli ospiti.

Da ricordare

L’osteria senz’oste è molto frequentata la domenica con le giornate di sole, per questo motivo consigliamo di arrivare presto per godere di un buon posto e delle ore più calde della giornata. Essendo in collina vi consigliamo anche di vestirvi a dovere qualora la temperatura non sia clemente. Nessuno vi vieta di portarvi lo spuntino da casa e di consumarlo nell’area dell’osteria ma i prodotti a disposizione meritano parecchio essendo proprio tipici nostrani. L’osteria senz’oste si basa sul principio del rispetto reciproco, non dimenticatelo!

 

Enjoy Food & Wine all’Osteria senz’oste!!

Informazioni sull'autore

Melissa Manzan

Mi sono laureata nel 2013 in comunicazione presso l'Università di Padova, nella vita faccio la Community Manager e la Copywriter. Appassionata da sempre di cucina e viaggi, sperimento il più possibile posti nuovi e sapori diversi. Per lavoro e passione mi diletto anche in fotografia, sono curiosa e mi piace osservare ciò che mi sta attorno.